19, 20 e 21 febbraio. Tre giorni dedicati a una delle attività umane più antiche: il camminare. A organizzarli è Social Trekking, associazione che promuove i viaggi a piedi e che Italiaterapia non può che appoggiare con tutto il cuore (camminare, per me, è una delle terapie più efficaci).

Ricordate cosa diceva Rousseau? “Non posso quasi pensare quando resto fermo, bisogna che il mio corpo sia in moto per dare l’abbrivio alla mia mente“. Il mio amato Jean Jaques aveva capito tutto: muovere un passo dopo l’altro, possibilmente senza meta, è una delle attività che stimolano maggiormente il pensiero, la spiritualità e (perché no?) il metabolismo.

social-trekking-508x375

Social Trekking

Social Trekking, dicevamo: Raffaele Basile, Luigi Lazzarini e Alessandro Vergari sono gli organizzatori di questa lodevole iniziativa, che ha alla base una filosofia chiara: social trekking significa incontrare altre persone e cogliere il genius loci, l’anima del luogo.

Il 1 febbraio si parte con le iscrizioni che, presumibilmente, si chiuderanno presto, data l’affluenza prevista. Tante persone sono già al lavoro per organizzare le passeggiate ma se avete una meta che vi piacerebbe percorrere, potete contattare direttamente la redazione od offrirvi come volontari: ce n’è bisogno per la camminata di sabato (scrivete a: socialtrekking@waldenviaggiapiedi.it).

L’evento è patrocinato dalla Rivista del Trekking, mentre l’associazione è “amica” (tra gli altri) di Fa’ la Cosa Giusta, Viaggi Solidali e IT.A. CÀ.

Beatles strisce pedonali

Immagine da: www.giornalettismo.com

Il programma:

19 febbraio

Prologo con incontro a: RRTREK: “La nuova frontiera del camminare”, ore 19.30, Via Ardea 3 – Roma. In contemporanea l’evento “24 ore” con Anna Rastello

20 febbraio

Mattina con le passeggiate Migrande. Pomeriggio con le passeggiate a sorpresa. La sera con la cena conviviale, il video di Repubblica Nomade e il finale in musica e danza al Roma Scout Center.

21 febbraio
La mattina con la partenza dal Roma Scout Center. Gli incontri lungo il cammino nel quartiere di Torpignattara, l’arrivo a Torre Maura e l’incontro con Save the Children.

Per scaricare i programmi, basta andare sul sito!

About The Author

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published.