La Sicilia mi piace così tanto che ho deciso di tornarci a distanza di tre settimane. Se vi ricordate, l’altra volta sono stata a Siracusa e Marzamemi, due realtà che mi sono rimaste nel cuore, tanto da averne parlato sia sul mio blog che su GoEuro, portale di viaggi che ha dedicato alla Sicilia un pezzo scritto a sei mani: la mia e quelle di altri cinque blogger innamorati dell’antica Trinacria.

Questa volta, però, la meta è Catania, città più volte sfiorata ma mai vissuta fino in fondo. Finalmente ho l’occasione di tornare ed esplorarla, a partire da Piazza Duomo, che tanto mi ha colpita il giorno di San Valentino, a poche ore dalla mia partenza per Roma.

Catania via Gagliani

Risveglio a Catania: qui via Gagliani

Catania fa rima con Etna ma, soprattutto, con vita: questa è l’impressione che ho sempre avuto nelle mie toccate e fughe. Sono sicura che confermerò quanto ho in mente adesso e di poter aggiungere al più presto dettagli per un viaggio che sia prima di tutto terapeutico, per me e per voi. Ma quale viaggio non lo è? L’unico modo per non trarre alcun beneficio (se mi seguite, sapete già come la penso) è andare in posti nuovi col cuore e la mente vecchi, solo per poter dire di esserci stati. Ma sono sicura che i miei lettori non fanno parte di questa categoria, anche perché si annoierebbero a leggere i miei post.

Bene, io sono pronta… volete sapere la follia che sto per compiere? Ebbene, in Sicilia arriverò in treno! Sì, ogni tanto mi piace muovermi a ritmo lento e osservare il paesaggio che cambia nel giro di tanti chilometri. Saprete presto tutti i dettagli!

About The Author

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published.