Quand’è che ho iniziato a viaggiare? A viaggiare veramente, intendo… Credo a 12 anni: ricordo che i miei genitori, felici per la loro nuova attività, decisero di premiarsi (e premiare noi figli) con un viaggio in Grecia. Era la prima volta che andavo all’estero. Era la prima volta che andavo in campeggio! Davanti a me, alla fine della scuola, Atene, Salonicco e, soprattutto, l’isola di Paros.

Da quel giorno non mi sono più fermata

L’anno dopo (era il 1991), comprammo un Volkswagen 238, di quelli scassati e destinati, in apparenza, a un ultimo, breve tragitto. Quell’estate, lo sgarrupato furgone ridipinto di rosso e riempito di adesivi da surfisti, ci portò invece in Spagna e Portogallo, da nord a sud e, di nuovo, da sud a nord.

Nel 1992 la mia famiglia, felice della prima esperienza, decise di spingersi ancora più in là: la Turchia dei primi anni ’90 non era certo il paese sgargiante che oggi quasi tutti conosciamo grazie alle decine di depliant invitanti e lievemente esotici. Intanto, per raggiungerla dovevamo attraversare i paesi dell’ ex Jugoslavia, aggirando la guerra che imperversava. Arrivati a Istanbul, trovammo una città meravigliosa, di un fascino mistico, reso ancor più potente dai sacconi dell’immondizia sparsi per ogni dove.

Foto ricordo scattata a Göreme, Cappadocia

Foto ricordo scattata a Göreme, Cappadocia

Sarò strana ma i contrasti mi hanno sempre attratta

Rifuggo dal troppo pulito, dal perfettino, dall’estremamente civile anche se, da brava cittadina di Roma, sono lati, questi, che mi mancano spesso. Nonostante questo, vagare senza meta per un luogo non troppo civilizzato (secondo i nostri standard) è per me appassionante. Queste prime esperienze  si sono impresse nell’anima come le immagini sulla retina e il viaggio è diventata la mia terapia. Nulla, come viaggiare, mi ha fatto sentire così viva e libera.

Ecco, cos’è il viaggio per me? Anzi, cosa non è? Nulla di compulsivo, intanto. Per me i viaggi vanno presi “ a piccole dosi” e devono essere quelli giusti al momento giusto. Il rischio, altrimenti, è di ingozzarsi come tacchini senza nemmeno il tempo di interiorizzare. Il viaggio NON è sola evasione (viaggio e vacanza, inutile dirlo, sono due cose diverse). Il viaggio NON è partire comodi comodi da casa propria e arrivare comodi comodi a casa di qualcun altro, senza essersi nemmeno accorti di aver cambiato pase. Il viaggio ha a che fare con la nostra dimensione selvaggia.

egitto narghilè

Meditare, da sola, di fronte al mare…

Idee da romantica impenitente? Non credo.

In fin dei conti, Italiaterapia è nata sull’onda delle mie prime, precise sensazioni. Dei viaggi che in seguito ho reputato “quelli della vita”, mi sono rimasti soprattutto profumi (e puzze), luci soffuse e rumori. Non mappe ben definite né baraonde da locali notturni o divertimenti usa e getta, che potrei benissimo sperimentare anche a casa mia.

Quali i luoghi che mi attraggono maggiormente? Quelli influenzati dalla cultura dei paesi arabi. Non posso spiegare perché il muezzin, perché quelle fisionomie, perché quegli odori.  Che il mio DNA reclami qualche misteriosa parentela?

palme

Le palme esercitano, su di me, un fascino incredibile

Sta di fatto che…

Anni dopo (era il 2007), ho ritrovato queste stesse emozioni in Egitto, dove ho avuto la fortuna di vivere. Ma questa è un’altra storia e voglio raccontarvela la prossima volta. Sappiate però che raccontare, per me, è come farvi un regalo. Sì, perché dovete sapere che sono molto ma molto gelosa dei miei ricordi 😉

E voi, di che viaggio siete?

About The Author

Related Posts

4 Responses

  1. Paola

    Virtualmente ho iniziato a viaggiare prestissimo, passando dall’atlante ai libri di geografia, Il primo viaggio in Grecia a 23 anni, e da allora non mi sono mai più fermata. Sono ormai 27 anni che mi concedo 1 o 2 viaggi all’anno e di strada ne ho fatta. Mia figlia ha iniziato a camminare nell’aeroporto di Dubai…

    Reply
    • Roberta Isceri

      Questa sì che è vita Paola! 🙂 Ma la cosa che conta di più è vivere i viaggi fino in fondo, facendone una filosofia di vita se possibile…

      Reply
  2. Lucilla

    Roberta te lo confesso: stasera ho trovato una tipa da seguire!! Ho letto un po’ di cose e le condivido tutte, come questo post del resto. Poi sei Romana e pure fissata coi film.. il “pedante senso critico” mi ha conquistata: sono anche io Spettacolo-Laureata! 😀 ti seguirò sicuramente!

    Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published.