Se il 2017 è stato l’anno dei borghi, nel 2018 la ricerca continua: uno dei primi da stanare è sicuramente Sperlonga (LT).

A un’ora e 10 minuti di treno da Roma, è un manipolo di case bianche arrampicate su uno sperone roccioso.

Ai suoi piedi, la Riviera di Ulisse e, sullo sfondo, il Circeo, altro luogo che odora di mito.

Ho percorso la mia piccola Odissea in mezza giornata, proprio per raccontarvi ciò che di bello trovò qui l’eroe greco.

Sperlonga (LT): uno dei borghi più belli d’Italia

Scorcio di alcune case affacciate sul mare a Sperlonga

Case affacciate sul Tirreno

Arrivo in stazione e mi precipito sulla navetta che mi porterà nel centro storico. Sono consapevole che non avrò moltissime ore di luce e felice di essere una delle poche viandanti.

Una volta “parcheggiata” dietro  a Piazza Europa (quella del municipio, per intenderci), mi dirigo verso uno dei pochi bar aperti per chiedere informazioni. Sono l’unica visitatrice solitaria, credo, e i signori seduti al tavolino mi consigliano di prenderla con calma, ché a Sperlonga i ritmi scorrono lenti.

Mi affaccio dal belvedere. Nulla da dire: sono le emozioni a parlare. La natura circostante è magnifica, dominata com’è dal mare e dai Monti Aurunci.

Due signori, probabilmente incuriositi da una viaggiatrice solitaria, mi parlano come se ci conoscessimo da una vita. Mi raccontano delle invasioni saracene, del loro amore per Sperlonga e mi indicano la via più veloce per raggiungere la Villa di Tiberio. Rimando a più tardi l’esplorazione di questo borgo mediterraneo.

Passeggiata sulla spiaggia di Sperlonga

Reperti archeologici sulla spiaggia di Sperlonga

Reperti archeologici sulla spiaggia

Scendo verso via Seconda Ripa, che mi colpisce subito per le forme degli alberi e le panchine: i primi, dai tronchi contorti e tozzi, le seconde maiolicate.

Imbocco via San Rocco e arrivo a Torre Truglia attraverso un romantico camminamento. Sono pervasa dai profumi, dalla solarità della giornata, dalla potenza tranquilla del mare.

Arrivo sulla spiaggia e mi unisco alle poche persone che stanno godendo del tepore di questa giornata di gennaio. La percorro tutta, assaporando il privilegio di avere una spiaggia quasi esclusivamente per me. In fondo – si vede già – la Grotta di Tiberio.

Lì, sulla sabbia, qualche resto archeologico che mi lascia basita.

Chiedo a una coppia di anziani come posso entrare nella dimora imperiale, dal momento che mi trovo di fronte a una recinzione che la separa dalla spiaggia. Marito e moglie fanno a gara per rispondermi. Capisco che basta imboccare una delle ultime viuzze che si aprono a sinistra. Alla fine della strada, girando a destra, mi trovo all’ingresso del museo archeologico.

La Villa di Tiberio e il Museo Archeologico di Sperlonga

Al Museo Archeologico di Sperlonga mi consigliano di andare a vedere prima la Grotta di Tiberio e poi gli interni del museo stesso.

Sono sola: è meraviglioso.

Percorro una pedana in legno e, girata la curva, mi ritrovo i resti della lussuosa villa ai miei piedi. Di fronte a me, il mare. Esclamo qualcosa tra me e me, sicura di non essere sentita.

Andando più in là, scorgo finalmente la grotta e scopro che ci posso entrare camminando su alcune pietre incerte. Provo un’emozione ancestrale, inspiegabile a parole. Nello specchio d’acqua interno, si riflettono le pareti, in un silenzio surreale. E pensare che questa era un tempo una sala da pranzo estiva!

Ho quasi paura che sbuchi un’arpia o qualche altra figura mitologica alle mie spalle. Capisco quanto si sentisse piccolo l’uomo in un passato ormai remoto, dovendo fronteggiare pericoli reali e paure spesso in solitudine. Ho vissuto un enorme privilegio in questa grotta e, sotto sotto, mi auguro che la sua antica saggezza si infili da qualche parte del mio inconscio.

Sgambetto verso il museo, perché non ho ancora molte ore di luce a disposizione. Vi avverto, o voi che entrate: qui rischiate la Sindrome di Stendhal! Decidete voi se svenire di fronte al gruppo di Scilla o a quello di Polifemo.

Non voglio descrivervi la bellezza della statuaria greco-romana ma invitarvi a visitare uno dei musei più belli che abbia mai visto. Vi aggirerete tra maschere della commedia e della tragedia e tra figure marmoree che osserveranno solo voi, se approfitterete della bassa stagione.

Sperlonga al tramonto

Torno verso il centro, questa volta percorrendo la pista ciclabile, che si snoda parallela alla spiaggia.

Ho un’oretta per scoprire il borgo illuminato dal tramonto imminente e premiare le mie fatiche con un gelato.

Arrivo di fronte a degli affreschi medievali di grande fascino: si tratta dei muri esterni dell’ex Chiesa Sanctae Mariae De Spelonche, che si trova alla fine di Corso San Leone. Qui, seduta sui gradini, trovo una ragazza da sola che fotografa ogni angolo. Forse oggi è la giornata delle donne che staccano da tutto e da tutti…

Conclusioni

Sperlonga è uno dei borghi più belli d’Italia, “nomination” più che meritata. Ho trovato la maggior parte dei bar e delle botteghe chiusi e la cosa non mi ha lasciato arrabbiata. Al contrario: osservando le persone camminare lentamente tra le vie e chiacchierare sulle tante terrazze che si aprono sullo stupendo panorama, ho invidiato un certo stile di vita, di cui al momento ho goduto solo durante la mia breve permanenza in Liguria.

Inoltre, ho parlato con più persone durante il mio giro che in un’intera giornata a Roma: a Sperlonga vieni VISTO. Le persone attaccano bottone e sono abituate al dialogo, non ai “ciao bbbella” romani, cui spesso non fa seguito alcunché.

Un consiglio: ritagliatevi anche mezza giornata, quando vi capita, prendete un treno e andate alla scoperta di un luogo che vi incuriosisce. Sarà un regalo bellissimo.

A proposito dell'autore

Post correlati

45 Risposte

  1. Alessandra

    Non potevi raccontarla meglio cara, sono felice che abbia potuto scoprire questo borgo da sola ed in pace. Ed ottimi i collegamenti per il centro dalla stazione! Il museo e la grotta di Tiberio emoziona ogni volta che si entra. D’estate purtroppo è un paesino abbastanzo invaso (tu hai spiegato benissimo il perché!), però d’estate fare il bagno qui è una meraviglia 😍
    Spero di tornare presto a Sperlonga, magari insieme 😍

    Rispondi
  2. Falupe

    Ma lo sai che alcuni scorci di Sperlonga non li conoscevo. Devo tornarci in primavera per approfondire di persona la conoscenza di questo Borgo.

    Rispondi
  3. Marina

    Ecco! Ero curiosa di leggere il tuo racconto dopo aver visto le foto! Ho già guardato tempi di percorrenza da casa mia e… sì, appena riesco, prendo e parto e vado anch’io a Sperlonga!

    Rispondi
  4. Rosy

    Che posto meraviglioso e poi il calore della gente trovo che ti mette subito a tuo agio e ti fà sentire a casa. Cosa chiedere di più in un ad una meta di viaggio 🤗

    Rispondi
  5. Paola

    Che meraviglia questo borgo! I paesini in genere non mi attraggono, ma qui un salto lo farei volentieri. Pensa che mi ha fatto venire la sindrome di Stendhal solo con le tue foto!

    Rispondi
  6. Rocio

    Immagino lo stile di vita di cui parli, probabilmente tranquillo e rilassato suppongo! Detto ciò sto borgo (mai sentito) è davvero una chicca dove sicuramente mi perderei nel fare foto su foto! Ho visto qualche scorcio non male! Chissà! Prima o poi!

    Rispondi
  7. Ragazza in Viaggio

    Mi ci portò qualche anno fa il mio ragazzo per un weekend romantico. Era il suo rifugio segreto dal caos di Roma. Il tramonto mi ha fatto decisamente capire il perchè!

    Rispondi
  8. Veronica Sala

    Bellissimo! Beh, tutti i borghi italiani sono belli 🙂 Secondo me l’aver trovato tutto chiuso è stata una vera fortuna, le poche volte che mi è successo mi è sembrato di vivere un’esperienza ancora più autentica.

    Rispondi
  9. Pietrolley

    Un borgo incantevole! In Liguria pure ce ne sono tanti, e girarli a ritmo lento è la cosa più bella 😊
    Concordo appieno sul fatto di andare a scoprire nuovi posti nel tempo libero, vorrei farlo più spesso pure io; diciamo che sto aspettando che si allunghino un pó le giornate 😘

    Rispondi
  10. Destinazione mondo 20

    Dobbiamo confessarlo.
    Non eravamo a conoscenza dell’esistenza di questo borgo sino ad ora.
    Dal tuo racconto e dalle tue foto sembra esser davvero meraviglioso e ci hai fatto venire voglia di vistarlo ora, qui, in questo momento.
    Grazie ❤️

    Rispondi
  11. Erica

    Il borgo è davvero delizioso! Devo dire che in passato non ero una grande fan dei musei archeologici, li ho riscoperti durante il mio ultimo soggiorno a Ferrara quindi se mai visiterò Sperlonga ci farò più di un pensierino!
    Quanto ai negozi chiusi e ai ritmi lenti, beh io li adoro, li preferisco alla confusione e alla calca di gente che non ti permette di goderti nulla e di non interagire con le persone. A volte quando si viaggia il contatto umano si perde, quindi quando si ritrovano realtà del genere bisogna godersele!

    Rispondi
    • Roberta Isceri

      Esatto, hai colto in pieno! No, non puoi perderti il museo archeologico di Sperlonga: devi entrare e lasciarti trasportare in altre epoche. Lo adorerai!

      Rispondi
  12. Laura

    Che posto magnifico! Per me è un po’ fuori mano, ma me lo segno per un futuro giro in Lazio. Le foto sono davvero molto suggestive. E poi il fascino dei borghi sonnacchiosi e senza turisti è indubbio.

    Rispondi
  13. stamping the world

    Pur vivendo a Roma da un po’ non ho mai trovato il tempo di farci un salto. Sapevo della Villa di Tiberio e del museo, ma non per come l’hai descritto tu 🙂
    Sembra davvero emozionante, seppur tranquillo come dici della gente del posto, ci andrò sicuramente al più presto!

    Rispondi
  14. Giordana

    Per tantissimi anni ho villeggiato a Fondi per cui a Sperlonga ci andavamo spessissimo. Me la ricordo come una perla. peró l´ultima volta ero gia adulta e ci andai con un ragazzo. Partimmo in moto da Napoli, ne conservo un bellissimo ricordo. Grazie per il bel post!

    Rispondi
  15. Esther

    Splerlonga l’ho conosciuta sempre d’estate quando brulica di gente e sulla spiaggia ci sono file di ombrelloni lunghissime. Hai ragione è un bellissio borgo e mi hai convinta ad andarci in inverno !

    Rispondi
  16. Federica

    Sono stata in Liguria a dicembre, ma abbiamo visto solo le 5 Terre.. Devo assolutamente visitare anche questo splendido borgo! Adoro i borghi e dal tuo racconto sembra davvero irrinunciabile!

    Federica
    Ioviaggiocosi.

    Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata