Condividi questo articolo
La versione di Roby

Centoventiquattro faticosissimi scalini. Sono quelli che ti portano in cima al Campidoglio. Obiettivo del giorno: la basilica di Santa Maria In Aracoeli, da sempre considerata la chiesa del popolo romano. E non potrebbe essere altrimenti, data la sua posizione. 
Ma intanto annaspi, cercando di arrivare integra sulla sommità del colle. E pensare che un tempo lo si scalava in groppa a un mulo …
 
I 124 scalini che portano alla basilica 

Eccoti finalmente! Una brezza leggera e la notevole vista alleviano la tua fatica. Gabbiani che volteggiano sui cieli della capitale, pini che la rendono eternamente estiva e magnifici attici appartenenti a fortunati cittadini: ecco cosa si dispiega davanti ai tuoi occhi. 
 
Roma vista dalla cima del Campidoglio 
Cielo plumbeo. Battito cardiaco sempre più lento. E un’aria di mare che sei sicura non essere frutto della tua immaginazione. 
In lontananza il Cupolone. Non a caso: quando Santa Maria in Aracoeli venne rinnovata dai Francescani (nel 1250 circa), il suo orientamento venne cambiato in direzione di San Pietro. La scalinata, invece, ti fa venire in mente il povero Cola di Rienzo (fu lui a inaugurarla) e la sua tragica morte.
 
Roma vista dalla cima del Campidoglio 
Adesso sei dentro. Insomma … possibile che, ovunque tu vada, ti tocchi distogliere l’attenzione dalla bellezza dell’insieme per concentrarti su un particolare alla volta? Come se non reggessi tanta luccicanza
Così avviene anche qui, dove la prima cosa su cui vuoi soffermarti è un teschio di marmo, il cui significato sembra ormai inseguirti da tempo, quasi a voler comunicare con il tuo guazzabuglio inconscio.
 
Particolare di Santa Maria in Aracoeli 
Un’occhiata ai dettagli, un’occhiata all’intero … perché non riesci a fare un passo dopo l’altro, ordinatamente, come i due restauratori che sembrano medici nel loro camice immacolato e in quell’incedere sicuro?
 
L’interno della chiesa 
E poi scopri: la cappella di San Bernardino, affrescata nientedimeno che dal Pinturicchio, con le storie del santo senese.
 
Particolare della cappella di San Bernardino 
E la copia del Gesù bambino, ligneo oggetto di offerte votive, il cui originale venne trafugato nel 1994.
 
La copia del Gesù bambino trafugato nel ’94 
E la tomba di Checchino Bracci, disegnata da Michelangelo, che del giovane, morto a soli 16 anni, fu l’amante:
 
“A pena … prima aperti gli vidd’io i suo begli occhi in questa fragil vita,
che, chiusi el dì dell’ultima partita, gli aperse in cielo a contemplare Dio” *
 
Tomba di Checchino Bracci 
Ma la presenza di Michelangelo aleggia soprattutto fuori dalla chiesa. Lo ritrovi infatti nella piazza del Campidoglio, che a lui deve la pavimentazione e l’altra grande scala di questo colle; e la fontana, vegliata dalle possenti statue del Nilo e del Tevere e da Minerva, le cui dimensioni ridotte non sono riconducibili a un errore (troppo sapiente la mano dell’artista fiorentino) ma al fatto che la dea guerriera (ricordiamocelo) nacque dalla testa del signore degli dei. Pare che anche gli antichi Romani fossero a conoscenza del binomio donna-intelligenza… 
 
Piazza del Campidoglio 
parte dell’epitaffio, scritto da Michelangelo
 
rob.isceri@gmail.com
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata