Condividi questo articolo
La versione di Roby

Hai poco tempo a disposizione. Più o meno dalle 12 alle 15 (in mezzo un pranzo) ma non vuoi stressarti. Ce la fai a visitare con calma una zona di Milano a te sconosciuta? Sì, se ti concedi uno spazio circoscritto, come Porta NuovaIsolaGaribaldi. Tanto a venirti incontro ci sono gli efficienti mezzi pubblici milanesi.
Prendi il cosiddetto passante alla fermata di Porta Vittoria, direzione Moscova. Abituata alla folla romana, ti sconvolge il vuoto di questa stazione in piena ora di punta.
 
Stazione di Porta Vittoria


Treno (pardon: passante) pulito e in orario: i cartelloni sulla tua testa vincolano i mezzi alla puntualità. Poche fermate e sei a Moscova, zona Brera, nei pressi del quadrilatero della moda (Roma ti ha abituato alle grandi distanze mentre Milano concentra aree differenti tra loro nel giro di pochi metri).

Hai fame e voglia di cibo fusion(sì, nel capoluogo lombardo si parla l’Esperanto). Un amico ti consiglia Temakinho, un ristorante brasiliano-giapponese pieno di piante, piastrelle colorate e gente (guai a non prenotare, anche per pranzo).
A dire il vero, ti mancano un po’ questi posti dal sapore internazionale che, diciamolo, sono tutti concentrati a Milano. Ordini uno dei mille temaki &rolls e, nonostante la tua gastrite, una cheesecake al sapore di un dolcissimo frutto brasiliano di cui scordi presto il nome.
 
Ristorante Temakinho
Esci dal ristorante con lo stomaco ulteriormente gonfio ma estremamente soddisfatta. Adesso sono le 2.30: hai tempo per un caffè e una breve passeggiata. Imbocchi corso Garibaldi, in direzione di Porta Garibaldi, dietro la quale svetta una foresta di avveniristici grattacieli.
 
Porta Garibaldi
Tutto pullula di vita: negozi e caffè ai lati, una fontana in mezzo e costruzioni futuristiche di fronte. Ma anche file ordinate di biciclette, la casa di Fabrizio Corona e il cantante Mika in compagnia del suo agente (l’avevo detto che vicino c’era il quadrilatero della moda…). 
 
Facciata della casa di Fabrizio Corona
Corso Como
Ora sei in corso Como, dove puoi vedere le nuvole che si specchiano sui vetri dei grattacieli, mentre pian piano ti addentri in quello che oggi è il cantiere più grande d’Europa. Cammini su un lembo di cemento in mezzo a due laghetti, rischiando di inzupparti i piedi. Poco male: oggi fa un caldo incredibile.
 
La zona dei grattacieli
Noti delle “trombe”, utilizzando le quali puoi parlare con le persone che camminano al piano inferiore. Ci sono anche dei lampioni che sembrano mazzi di fiori e tante sedie colorate che fanno un po’ asilo nido. C’è poi un felice negozio della Feltrinelli, che è anche ristorante.
Cammini a naso in su, chiedendoti se tutto questo ti piaccia o meno. E ti rispondi di sì, nonostante il tuo ideale di bellezza risieda nelle linee sinuose del Pantheon. Ma in Italia abbiamo bisogno anche di modernità.
 
Strane trombe
Lampioni che sembrano fiori
Immagini come sarà questa zona, ancora poco popolata, durante l’Expo del 2015 e hai voglia di tornarci. Adesso però sono le 15. Ti dirigi alla stazione di Porta Garibaldi, direzione Porta Vittoria. Milano è piena di porte, non solo fisiche…
 
rob.isceri@gmail.com
 
 
 
 
 
 

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata