Condividi questo articolo
Che bello quando ti coglie l’entusiasmo all’improvviso! Alle volte basta una chiamata, un tono di voce favorevole e tutte le brutture scompaiono… Così ti accade a Veroli, paese del Frusinate di incredibile bellezza.
Diego di Direzione Italia in Piazza Mazzoli

Per cominciare, vieni portata al Museo Civico, dove fai due sorprendenti scoperte (davvero un luogo così piccolo può contenere tanta ricchezza?). La prima è la copia di un calendario romano in marmo: l’originale si trova nel cortile di una casa privata, che potrai osservare tra poco da dietro un cancello.

Si tratta di uno degli esempi meglio conservati. In alto è possibile leggere i primi tre mesi: per ogni mese, sono segnate le Calende, le None e le Idi. Ma la cosa più bella è la divisione in giorni fasti (F) e nefasti (N). Magari poterli conoscere in anticipo!

La copia del calendario romano

La seconda sorpresa è la parte sotterranea,recentemente restaurata. Una serie di locali in pietra, separati gli uni dagli altri da possenti archi.

Tra le varie ipotesi, quella di un ex mitreo, luogo di culto dei devoti al dio Mitra. Si pensa che la prima stanza sia l’anticamera, quella dove sostavano gli adepti più giovani in attesa di essere ammessi ai riti.

L’entusiasmo sale insieme a te, che ti fermi a osservare i Monti Ernici da una terrazza dal fascino cinematografico. I blogger e gli innamorati – che si baciano su una panchina – sembrano quasi comparse di un film…

Terrazza con vista

Una dolce atmosfera ti attende nella Chiesa di Santa Sàlome (una delle tre Marie che accorsero alla croce), addobbata di rosso per la festa in suo onore, ricorsa il 24 e il 25 maggio scorsi.

La sua particolarità è la scala santa, che i fedeli percorrono in ginocchio. Ti ricorda La Grande Bellezza, film tra i più discussi degli ultimi anni: memorabile la scena di Madre Teresa di Calcutta che striscia su quella di San Giovanni in Laterano.

Mario Fracasso di Direzione Italia

Uscita dalla chiesa, il vento accarezza i tuoi capelli e le foglie degli alberi, conferendo alla cittadina ciociara uno charme senza tempo.

Scendendo, trovi finalmente il cortile di Casa Reali, dove si trova l’originale calendario romano.

Il cortile di Casa Reali

Adesso è ora di andare all’Abbazia di Casamari. Lasci Veroli alle tue spalle, portando con te la tipica ciambella ai semi di anice.

L’entusiamo è ancora lì, intatto. Ti chiedi quanto l’ambiente condizioni l’umore. O è il contrario ad avvenire?

E se venissi a vivere in un luogo come questo?

5 Risposte

  1. Anonimo

    Peccato che Veroli sia una bella cittadina e "La grande bellezza" una cagata pazzesca per rincoglioniti.

    Rispondi
  2. Anonimo

    Bellissima descrizione di un luogo bellissimo. Ci sono stata e sono rimasta incantata da questa piccola cittadina dove c'è un mix di storia, tradizioni e ambienti favolosi.
    Ci andrò di nuovo e lo consiglio a tutti!

    Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Italia Terapia