Condividi questo articolo
La versione di Sa
Ricordi? La riviera romagnola tormentata dal sole, quando sudano i corpi e i colori, e le voci intorno sono indistinte e morbide come fossero trattenute da ovatta. Per un attimo, immobile, tu sul bagnasciuga, come fossi immune alle correnti:  il via vai umano ti scorre accanto, allegro e promiscuo. Eccolo il mare, l’Adriatico, e la Romagna d’estate, spensierata ad agosto. Anche quest’anno è ancora lei, la Romagna? California di casa nostra, potrà ancora la sua riva abbracciarti come fosse una mamma calda e rotonda?
  
Passeggiata sulla spiaggia di Pinarella. Cervia in lontananza.

Da Ravenna a Cattolica, un chilometro di costa lunga e sabbiosa, per far riemergere i tuoi ricordi di bambina, dei campi estivi e degli esili in colonia. Da piccola, al collo, ti mettevano una targhetta col numero dello stabilimento balneare. Bastano i cappelli colorati delle torme di ragazzini a scompigliarti le memorie? Pensi alle città dell’entroterra, spopolate nei weekend di sole.
Mare mare mare… le parole si sciolgono e deformano. Così le immagini nel mezzodì pigro e assolato. Le nubi di una stagione poco fortunata non potranno (mai!) ingrigire le foto dei tuoi album, quelle che per gioco hai voluto lavorare come se trattenessi un po’ del genio ironico e pop dell’artista fotografo Martin Parr.
Spulci ancora tra i tuoi ritratti virtuali: più in là sai che c’è fresca la pineta, la piccola ombra gettata dagli ombrelloni come un debole rifugio. Domani parti per le ferie e, per destino, torni nella riviera.
La pineta di Pinarella in lontananza
 

+Sa

A proposito dell'autore

Post correlati

5 Risposte

  1. Valentina

    Adoro questo post!! Hai saputo catturate l’essenza dell’estate in riviera romagnola e trasmetterla in tutta la sua genuinità, sia con le immagini sia con le parole (bellissime!). Le lunghe spiagge sabbiose dei luoghi che hai citato, il caldo, il tripudio di voci e costumi colorati hanno fatto parte della mia infanzia.. e nonostante io non sia propriamente un’amante della vita da spiaggia, non posso fare a meno di tornarci, almeno un paio di giorni, tutte le estati 🙂

    Rispondi
  2. Barbara

    Girovagavo nel tuo blog e mi ha incuriosito questo post. Mi sono emozionata perché sei riuscita a far rivivere sensazioni, ricordi e profumi di tanti anni fa, quando in riviera romagnola ero poco piu’ di una bambina e ci andavo con la mia famiglia e dove ci ho trascorso indimenticabili estati.

    Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata