Condividi questo articolo
La versione di Sa

Eleganti, composti e sempre allegri, ti gira la testa se li fissi a lungo. Sono i cavallini in legno che animano ogni Natale il centro di Piazza Navona. Quasi fossero fiaba a portata di sguardo, ti distraggono oggi da ogni noia.
Bambina a cavallo sulla giostra di Piazza Navona.
(Rielaborazione cartoon da una foto scattata durante una uscita fotografica con l’Agenzia2D)

Ti avvicini al ticket office, il baracchino di legno con il cartello l’“antica giostra” 

Persone in fila per acquistare il biglietto
e invece del biglietto chiedi: “antica, perché?”.
Un bambino allunga la mano per prendere i biglietti a questo ambulante “ticket office”
Immaginavi bene, le decorazioni un po’ vintage sono di fine Ottocento. Questo instancabile girotondo che ti sta innanzi viene dalla Germania, la famiglia Panizza – da sempre giostraia, tutt’ora proprietaria – l’ha acquistata negli anni quaranta, e da allora gira per le fiere e le piazze d’Italia. Foto d’epoca ce ne sono? La promessa che ne riceverai alcune per mail per il momento ti soddisfa.
La giostra col suo tetto circolare e spiovente, a strisce bianche e blu segna il centro della Piazza
La guardi, l’antica giostra, affollata di bambini e di adulti sempre divertiti.

Genitori scattano foto ai bambini in giostra
Vezzoso svago tanto effimero quanto può durare un giro, ospitato per poche settimane tra le architetture barocche e gravi di questo angolo di città: poco più in là la Basilica di Sant’Agnese in Agone del Borromini, di qua la Fontana dei Quattro fiumi del Bernini.

 

Particolare della giostra e, per un gioco di vetro e riflessi,
il campanile della Basilica di Sant’Agnese in Agone a Piazza Navona

Attorno a lei la vita frenetica e vivace di chi vuole fare festa, e trova il tempo per mangiare o per fugaci baci

sullo sfondo la giostra, l'obelisco e il campanile della basilica di sant'agnese in agone
La giostra col suo profilo e la piazza come una scenografia
e variegata ogni tipo di merce natalizia. Uno, due, tre, dieci, venti… quante siano le bancarelle non riesci a tenere il conto, un centinaio forse più. Stringi gli occhi cercando di allontanare per un attimo da te questo frastuono commerciale e cosmopolita, vai a ritroso nel vecchio millennio, quasi cent’anni fa quando la tradizione in questa piazza era alle origini e l’atmosfera di certo più paesana. Ma i mercati e le fiere a Roma sono vecchi quanto il tempo – ti dici – quanto la Befana che il 6 gennaio qui dispenserà dolci e carbone.
Foto con la Befana
Ti allontani e più volte ti volti. L’antica giostra è sempre là, come un faro al tuo sguardo.
Scorcio sulla Piazza andando verso via dei Coronari




+Sa

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Italia Terapia