Condividi questo articolo
In attesa di Travel Blogger Destination, il 28 maggio scorso si è tenuto a Roma il primo warm up dedicato al mondo del web e del marketing digitale per il turismo, durante il quale avuto modo di confrontarmi con altri 100 top travel blogger italiani e internazionali.

Ma il bello è venuto dopo: grazie a TBDI, a Unindustria e alla Camera di Commercio di Frosinone, ho partecipato ad #AmazingCiociaria, un blog tour in quella che è – per ora – una sorta di terra di mezzo, oscurata dalla magnificenza di Roma.

Le ricchezze che si dipanano tra Fiuggi, Cassino, Alatri e Anagni sono tali e tante che, se da una parte è un peccato che la maggior parte dei viaggiatori italiani e stranieri non le conosca, dall’altra è un bene che esse non vengano usurate dal turismo di massa.

Ma andiamo alla scoperta della prima tappa del mio viaggio: Alatri.

La cattedrale di Altri

Tanto sole, un cielo terso e una bella avventura: ecco cosa mi aspetta in questo paese che – così si dice – fu costruito seguendo la costellazione dei Gemelli.

Con questo ci si riferisce, in particolar modo, alle sue fortificazioni, al perimetro di quelle mura ciclopiche (in quanto costruite con massi enormi: come vennero trasportati all’epoca?) da cui la cittadina è cinta.

Le mura ciclopiche

Quel che è certo è che il paese venne eretto dagli Ernici, popolazione italica di epoca pre-romana: si parla del XVI secolo a.C.

Comunque la si metta, Alatri ha un’atmosfera mitologica: il suo nome non è solo associato ai ciclopi (i presunti artefici delle mura) ma anche di dei: sarebbe infatti stato Saturno a fondare il paese ciociaro, dopo essere stato cacciato dall’Olimpo per mano di Giove.

Vista sui Monti Ernici

Amo i luoghi intrisi di miti e misteri, che continuano all’interno di un labirinto: un affresco con Cristo al centro, il quale indica l’uscita. Ma quale uscita?

Sono nel convento di San Francesco e questo Gesù barbuto risulta alquanto criptico a qualunque studioso gli si avvicini. Alcuni pensano ai templari, i quali partivano da Roma per Gerusalemme, passando per Alatri: in questo caso, quella indicata sarebbe la strada di Dio, ossia la salvezza.

Cristo nel labirinto

E la mia, di anima? Verrà salvata? Così mi chiedo mentre mi dirigo all’acropoli. Sì, c’è un’acropoli ad Alatri e ha la medesima struttura di quella di Micene.

Qui sorge Porta Maggiore, che contiene il monolite più grande mai messo in opera in Italia

Il monolite

Termino la visita di fronte alla Collegiata di Santa Maria Maggiore, bellissima chiesa romanica dai dettagli gotici. Ma è già l’ora di pranzo e mi aspetta un agriturismo nei dintorni.

L’entusiasmo è alle stelle.
La voglia di scoprire la Ciociaria altrettanto…

La Collegiata di Santa Maria Maggiore

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Italia Terapia